Possibili problematiche su ritiri ingombranti e numeri verdi Dusty

 

L’attacco hacker internazionale che ha colpito anche l’Italia lo scorso sabato 4 febbraio, compromettendo server di aziende e istituzioni in tutta Europa, ha riguardato anche il fornitore di Dusty che custodisce il database delle prenotazioni dei ritiri a domicilio dei rifiuti ingombranti.

Dati persi e numero verde non attivo, per motivi non imputabili all’azienda che gestisce i servizi ambientali in 19 comuni siciliani. I danni sono dovuti infatti all’hackeraggio dei server della Società ITLAB a cui si affida la Società BLABS che gestisce alcuni dei servizi informatici di Dusty.
Per limitare i disservizi e rimettere subito in moto la macchina, Dusty ha predisposto due differenti moduli online disponibili sul portale ufficiale.
Il primo modello è riservato a chi ha effettuato la prenotazione fino al 3 febbraio, per confermarla o spostarla. Il secondo modulo è dedicato invece alle future prenotazioni per il ritiro di rifiuti ingombranti. In entrambi i casi gli utenti verranno ricontattati tramite email o telefono.

La Dusty, inoltre, si è da subito attivata con le amministrazioni comunali con cui collabora per veicolare attraverso i loro canali ufficiali la modalità di contatto attraverso i moduli.
Form per chi è gia in possesso di una prenotazione: https://form.jotform.com/230343070009341

Form per chi deve ancora prenotare: https://form.jotform.com/230342846611350

Pur non essendo responsabile del disservizio, Dusty esprime il suo profondo rammarico a tutti gli utenti, contando sulla loro preziosa collaborazione per ricostruire l’agenda andata persa.


Dusty è l'impresa italiana, guidata da una donna, con il rating più elevato di sostenibilità

Il “Sustainability Award” è un riconoscimento tra i più ambìti nel mondo imprenditoriale perché è conferito da agenzie indipendenti e misura il grado di innovazione sostenibile ed etica perseguiti con grandi sacrifici dalle aziende, alle quali con questo premio viene riconosciuto di essere tra le pioniere di un progresso che guarda sempre al benessere dell'uomo e della salubrità dell'ambiente in cui deve vivere, subordinando il profitto personale ad una visione umanista e mecenatica del proprio ruolo.

Leggi anche l'articolo su Forbes

In questo quadro l'azienda catanese Dusty ha ottenuto due importantissimi risultati. È stata infatti premiata con il “Sustainability Award Woman 2022” per essersi distinta in Italia come l’azienda, guidata da una donna, che ha registrato il rating più elevato di sostenibilità. Il riconoscimento è stato assegnato da Credit Suisse e Kon Group, insieme a Forbes e ai partner tecnici ALTIS dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e Reprisk.

 

Il secondo, e più importante, riconoscimento che Dusty ha ottenuto è l’inserimento nell’elenco dei vincitori per il secondo anno consecutivo, passando dalla classifica delle 100 aziende italiane eccellenti in sostenibilità a quella delle Top 50, a fianco di noti colossi imprenditoriali del panorama nazionale, provenienti per lo più dalle regioni settentrionali. Una conferma dovuta al continuo miglioramento delle performance ambientali, sociali e di governance che Dusty ha messo e mette in atto, promuovendo una crescita aziendale inclusiva e stabile, nonché generando valore aggiunto per la comunità. Inoltre, Dusty è l’unica impresa fra le Top 50 che opera nel settore dell’igiene ambientale e della raccolta differenziata.

 

«Questo riconoscimento, di cui sono davvero soddisfatta, rappresenta per me un punto di partenza piuttosto che di arrivo, nella misura in cui Dusty non è più sola nelle azioni di cambiamento che portano verso l’ecosostenibilità e la responsabilità sociale d’impresa – dichiara l’amministratore Rossella Pezzino de Geronimo – Il nostro impegno nei confronti di questi temi è nato nel momento stesso in cui è nata l’azienda, oltre 40 anni fa, quando ancora questi argomenti non erano di urgente attualità come oggi. Dusty opera “Al servizio dell’Ambiente” ponendosi come ambasciatrice di civiltà e coinvolgendo in processi di educazione ambientale bambini, giovani ed intere comunità. Contiamo adesso di poter fare rete con altre imprese etiche come la nostra, per migliorare le performance di tutti e per portare avanti, insieme, progetti lungimiranti e attenti ai bisogni della collettività. Fra questi, ad esempio, la dotazione di impianti all’avanguardia per il trattamento e il riciclo dei rifiuti, di cui il Sud Italia è purtroppo ingiustamente carente. Finalmente possiamo e vogliamo contare su una rete imprenditoriale che ha una visione comune e condivisa, in cui la soluzione non è soltanto nella riduzione dell’inquinamento, ma nella qualità che sappiamo dare a ciò che possediamo già. L’unico possibile orizzonte a cui dobbiamo guardare è dunque la rigenerazione, declinata nell’uso delle fonti rinnovabili, nella riqualificazione urbana, nella riforestazione, nella nutrizione sana che deriva dalla coltivazione biologica dei prodotti della terra».


Tentata truffa ai danni di Dusty e dei suoi fornitori

È stato denunciato alle autorità competenti un tentativo di truffa da parte di anonimi ai danni di Dusty e dei suoi fornitori, pertanto l’azienda allerta tutti i soggetti interessati e invita a prestare la massima attenzione nella ricezione di e-mail che riportano richieste e dati della società.
Nello specifico Dusty ha segnalato la circolazione di un messaggio ingannevole di posta elettronica che proviene dall’indirizzo non ufficiale [email protected] e che viene intestato illecitamente al responsabile dell’Ufficio Acquisti della società.
Si tratta di una falsa richiesta di affidamento per la fornitura di materiali edili, mascherata dalla presenza del logo di Dusty e di dati aziendali.
L’azienda, e in particolar modo il suo Ufficio Acquisti, invita dunque tutti i fornitori, ed eventuali soggetti coinvolti, a verificare l’autenticità e l’attendibilità delle comunicazioni ricevute e a diffidare di qualsiasi e-mail sospetta e non proveniente dal dominio ufficiale dusty.it. Inoltre, Dusty chiede di segnalare con tempestività quanto ricevuto al fine di monitorare e bloccare la tentata truffa.