Raccolta differenziata sopra la media nei Comuni della SRR Palermo gestiti da Dusty

Una crescita continua della raccolta differenziata che supera la percentuale media nazionale e che ha permesso di raggiungere con un anno di anticipo gli obiettivi prefissati: è questo il trend che si registra nei sei Comuni della SRR Palermo Area Metropolitana serviti da Dusty: Belmonte Mezzagno, Borgetto, Capaci, Partinico, Santa Flavia e Ustica.

Il nuovo appalto settennale per la gestione integrata dei rifiuti, avviato dal 1° febbraio 2022, coinvolge circa 80mila utenze, domestiche e non domestiche, ed i primi risultati sembrano davvero segnare un nuovo corso per la SRR palermitana, com’è emerso dalla conferenza di presentazione che si è svolta il 13 giugno nella sede della Società e in cui sono intervenuti il presidente della SRR Natale Tubiolo l’amministratore di Dusty Rossella Pezzino de Geronimo e il direttore del cantiere Vito Di Giovanni.

Nel mese di gennaio 2022, prima dell’arrivo di Dusty, la percentuale media di raccolta differenziata si attestava sotto il 70% a Partinico e sotto il 65% negli altri 5 comuni. Oggi Partinico, Borgetto e Santa Flavia, gestiti direttamente da Dusty, registrano un crescendo continuo verso il 75% e oltre, con punte sopra il 77% come nel caso di Partinico. Anche i tre Comuni subappaltati (Belmonte Mezzagno, Capaci e Ustica) registrano evidenti miglioramenti, perché hanno superato la media del 65% avvicinandosi al raggiungimento del 70%.

«Il personale della SRR ha lavorato alacremente a questa gara – ha dichiarato il presidente Tubiolo – perché si tratta del primo affidamento avvenuto con la nuova normativa, sostituendo la gestione provvisoria delle vecchie società d’ambito che ci ha consentito anche di stabilizzare i lavoratori precari. È dunque un riferimento importante per i prossimi appalti in preparazione. Dusty sta svolgendo il servizio con efficienza e ha messo in campo diverse migliorie, e ciò ci porta a considerare la raccolta differenziata come un punto di partenza, non di arrivo, verso il raggiungimento degli obiettivi che ci chiede l’Europa: la riduzione dei rifiuti e l’incremento dell’economia circolare. Nelle prossime settimane lavoreremo insieme ai Comuni e Dusty – continua Tubiolo – per contrastare il fenomeno degli abbandoni dei rifiuti acquistando attrezzature dedicate, attingendo ai finanziamenti del MITE attribuiti alla SRR Palermo. Altro aspetto che attenzioneremo è la realizzazione di impianti dedicati alla raccolta differenziata cercando in questo modo di coniugare l’incremento delle percentuali di raccolta con la riduzione della Tari per i cittadini».

«L’esito di questi primi cinque mesi d’attività dimostra come la cittadinanza abbia risposto in maniera corretta al sistema di sostenibilità ambientale implementato da Dusty – ha dichiarato l’amministratore Rossella Pezzino de Geronimo – Dusty combatte per un mondo migliore ed ha stabilito un patto virtuoso “a tre” con le Amministrazioni comunali e i cittadini per rendere la raccolta differenziata una sfida in cui credere. La Sicilia può salvarsi dal vuoto impiantistico e dalle continue emergenze soltanto incrementando la separazione corretta dei rifiuti e riducendo al minimo il rifiuto indifferenziato da portare in discarica. Facciamo appello alle Amministrazioni comunali di predisporre un maggiore e costante controllo del territorio per contrastare il continuo ed intollerabile fenomeno delle discariche abusive. Una lotta più incisiva ai “ladri di bellezza” che abbandonano i rifiuti lungo le strade provinciali e comunali consentirà di raggiungere risultati ancora più positivi per il decoro urbano e dunque per la collettività».

Il direttore dell’Unità territoriale di Dusty Vito Di Giovanni ha sottolineato il funzionamento a pieno regime degli Eco Punti (quello di Partinico rappresenta un’eccellenza), l’ottimo riscontro sul ritiro gratuito a domicilio degli ingombranti, la grande partecipazione delle scolaresche alle attività “Dusty Educational”, la raccolta del vetro settimanale e non quindicinale come previsto nel capitolato, nonché l’attivazione dei numeri verdi d’assistenza, delle pagine Facebook e dei siti web dedicati ai singoli Comuni. Il direttore ha poi illustrato le iniziative in programma nei prossimi mesi come la donazione di mille compostiere ai Comuni, accompagnata dal corso di compostaggio domestico e la realizzazione di eventi di sensibilizzazione, con la presentazione di un progetto specifico per la “Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti”.


Srr Pa e Dusty presentano il "piano integrato dei rifiuti" nei 6 Comuni palermitani

Sarà presentato alla stampa lunedì 13 giugno il nuovo “Piano integrato per la raccolta differenziata e l’igiene ambientale con ridotto impatto ambientale” per i Comuni di Belmonte Mezzagno, Borgetto, Capaci, Partinico, Santa Flavia e Ustica che, per i prossimi 7 anni sarà gestito da Dusty, società catanese vincitrice della gara d’appalto.

Il piano per i 6 comuni della SRR Palermo Area Metropolitana - Società per la Regolamentazione del servizio di gestione Rifiuti, prevede non solo il principale servizio di raccolta differenziata “porta a porta”, ma anche altri di igiene ambientale per il mantenimento del decoro urbano, oltre alle attività di sensibilizzazione e di educazione ambientale.

 

Il capitolato d’appalto sarà presentato alle ore 12.30 nei locali della Sala conferenze della sede amministrativa della SRR Palermo Area Metropolitana, in via Resuttana 360 a Palermo, dal presidente della Srr Pa, Natale Tubiolo e dall’amministratore Dusty Rossella Pezzino de Geronimo.
Il direttore dell’appalto Vito Di Giovanni
illustrerà il piano nei suoi aspetti più tecnici.


Festivo 2 giugno: regolare "porta a porta" nei comuni del Catanese

In occasione della giornata di giovedì 2 giugno, Festa della Repubblica Italiana, Dusty - in accordo con le Amministrazioni comunali interessate - garantirà i servizi essenziali di igiene ambientale nei Comuni dellhinterland catanese (Aci Bonaccorsi, Gravina, Misterbianco, Motta S. Anastasia, Paternò, San Giovanni la Punta, San Gregorio, Sant’Agata Li Battiati, Santa Maria di Licodia, Valverde, Viagrande).

Nei Comuni indicati il ritiro della raccolta differenziata “porta a porta” verrà effettuato come da calendario settimanale.

SERVIZI SOSPESI:

Per questa giornata festiva non saranno operativi i Centri di raccolta e le isole ecologiche, laddove presenti nei Comuni dotati di questo servizio; non saranno attivi neanche i numeri di assistenza Dusty.

La regolarità di questi servizi riprenderà da venerdì 3 giugno.

Gli utenti sono invitati alla massima collaborazione al fine di mantenere il decoro degli spazi cittadini.


Zona "Catania Centro": le indicazioni per il festivo del 2 giugno

Si comunica che per la giornata di giovedì 2 giugno, Festa della Repubblica Italiana, il servizio di ritiro della raccolta differenziata “Porta a porta” gestito da Dusty nelle zone interessate dal sistema dedicato, verrà effettuato regolarmente come da calendario settimanale.

Nelle rimanenti aree della città di Catania gestite da Dusty dove vige il sistema di prossimità tramite i contenitori stradali, si ricorda che non è consentito il conferimento nelle giornate prefestive.

Durante la giornata festiva saranno chiusi il Centro comunale di raccolta gestito da Dusty sito di via Maria Gianni angolo via Galatioto a Picanello, ed anche i tre eco punti di raccolta mobile siti in via Ala/via Cesare Beccaria nel quartiere Cibali/Borgo-Sanzio -; e nelle vie Ameglio nel quartiere Nesima, e Santa Maria della Catena a San Cristoforo.

Non saranno attivi neanche i numeri verdi e bianchi di assistenza Dusty per la prenotazione e il ritiro gratuito dei rifiuti ingombranti.

La regolarità di questi servizi riprenderà da venerdì 3 giugno.

 

Le informazioni relative alle altre città gestite da Dusty, sono pubblicate nei siti dedicati


"Alfieri dell'Ambiente", ecco i vincitori del progetto dedicato alle scuole

Musica rap, stile hip-hop, e tanto entusiasmo «per dire alla bella gente che la differenziata deve fare, così la natura può salvare». Le parole e il ritmo della canzone ideata dalla classe elementare 5aB dell’Istituto Comprensivo “G. Verga” di Viagrande conquistano con simpatia il primo posto nella classifica degli “Alfieri dell’Ambiente”, il progetto di educazione ambientale e cittadinanza attiva organizzato da Dusty in sinergia con la SRR Catania Area Metropolitana, e annoverato all’interno del piano “Rigenerazione Scuola” del ministero dell’Istruzione.

Il video realizzato dai piccoli alunni di Viagrande – guidati dalle insegnanti Giuseppina Zuccarello e Maria Carmela Di Mauro – ha ottenuto il maggior numero di voti on line, tra le 32 clip create da altrettante classi appartenenti a ben dieci Istituti Comprensivi del territorio catanese.

Al secondo e al terzo posto si sono classificate, rispettivamente, le classi di scuola media 2C e 2A dell’Istituto “S. Casella” di Pedara, che sono scese in piazza per incontrare i cittadini e sensibilizzarli alle buone pratiche di decoro urbano.

Gli altri istituti che hanno partecipato sono: “Padre G. M. Allegra” di Viagrande, insieme al Plesso di Aci Bonaccorsi; “Giovanni Paolo II” di Gravina di Catania; “G. D'Annunzio” di Motta Sant'Anastasia; “C.A. Dalla Chiesa” di San Giovanni La Punta; “San Domenico Savio” di San Gregorio di Catania; il Circolo Didattico Statale “Sant'Agata Li Battiati”; e il II Circolo “Giovanni XXIII” di Paternò.

Le tre classi vincitrici sono state premiate venerdì 27 maggio dall’amministratore Dusty Rossella Pezzino de Geronimo e dal presidente della SRR Catania Area Metropolitana Francesco Laudani, durante la videoconferenza on line a cui sono intervenuti anche il sindaco e l’assessore all’Istruzione di Viagrande, Francesco Leonardi e Vera Cavallaro; il sindaco e l’assessore all’Igiene Urbana di Pedara Alfio Cristaudo e Salvatore Corsaro.

«Il progetto “Alfieri dell’Ambiente” è giunto al termine ma il vostro prezioso impegno verso la tutela del pianeta prosegue – ha detto Rossella Pezzino de Geronimo agli studenti – Continuate a difendere la natura dai “ladri di bellezza”, cioè dai cittadini che, non differenziando i rifiuti, non si curano del patrimonio collettivo e non rispettano stili di vita sostenibili. Dusty crede fermamente nelle nuove generazioni, affinché siano artefici di un’autentica rivoluzione culturale che salvi le sorti della Terra. È fondamentale insegnare ai giovani il rispetto di sé e del prossimo, e dunque educarli a lavorare per il bene comune, non solo per i propri interessi personali. Se non innestiamo in loro il seme dell’etica il futuro sarà inevitabilmente compromesso da forze distruttive come il consumismo e la brama di possesso, mettendo in bilico la sopravvivenza del pianeta. L’educazione deve avere come fine ultimo quello di trasmettere ai giovani la voglia di lasciare una traccia positiva del loro percorso nel mondo».

Gli studenti vincitori il prossimo 10 giugno andranno in visita all’impianto di riciclaggio Domus Ricycle di Catania. «È un premio meritato, che riconosce lo straordinario coinvolgimento emotivo e creativo con cui gli alunni hanno preso parte al progetto – ha affermato il presidente della SRR Laudani – Questa visita sarà per loro l’occasione per conoscere in prima persona la filiera dell’economia circolare. Le aziende Dusty ed Ecolandia hanno dimostrato con grande impegno e professionalità, in sinergia con la SRR, le amministrazioni comunali e le istituzioni scolastiche, che fare rete in questo importante settore produce buoni risultati, come conferma questa premiazione».

«Sono rimasta profondamente colpita dal grande coinvolgimento di questi ragazzi – ha concluso Rossella Pezzino de Geronimo – per questo Dusty non si fermerà qui ma continuerà a seguire la propria mission ed a proporre iniziative di sensibilizzazione in cui i piccoli Alfieri dell’Ambiente, invertendo i ruoli, insegneranno la raccolta differenziata ai genitori e agli adulti, chiedendo di lasciare loro in eredità un mondo migliore ed un futuro più sostenibile».

***

Ecco i video vincitori:

1° > Classe 5B IC "G. Verga" di Viagrande - 2055 voti https://www.dusty.it/alfieridellambiente/blog/2022/05/07/i-c-verga-viagrande-classe-5b-ins-zuccarello-giuseppina-e-di-mauro-maria-carmela/

2° > Classe 2C IC "S. Casella" di Pedara - 1573 voti
https://www.dusty.it/alfieridellambiente/blog/2022/05/05/i-c-s-casella-pedara-classe-2c-docente-bolignano-maria-stella/

3° > Classe 2A IC "S. Casella" di Pedara - 1414 voti
https://www.dusty.it/alfieridellambiente/blog/2022/05/05/i-c-s-casella-pedara-classe-2a-docente-siragusa-cristiana/


Contest #Alfieri dell'Ambiente: al vie le votazioni entro il 25 maggio

Hanno partecipato con entusiasmo e creatività. Hanno imparato che nella vita, bisogna avere rispetto per l’ambiente. Sono gli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado della provincia di Catania dove Dusty è titolare del servizio di igiene ambientale, che partecipando al contest #Alfieri dell’Ambiente, hanno risposto alla chiamata «Sì al decoro, no al degrado»!

Le scuole in gara sono dei 14 comuni: Aci Bonaccorsi, Gravina di Catania, Milo, Misterbianco, Motta Sant’Anastasia, Paternò, Pedara, San Giovanni La Punta, San Gregorio di Catania, Sant’Agata Li Battiati, Sant’Alfio, Santa Maria di Licodia, Valverde e Viagrande.

Ci sono ancora 13 giorni di tempo per decretare i migliori 3 VIDEO MULTIMEDIALI presentati dagli studenti che hanno partecipato al contest #Alfieri dell’Ambiente, il concorso ideato e organizzato da Dusty e dalla Srr Catania Area Metropolitana per sensibilizzare le giovani generazioni alla tutela e alla salvaguardia ambientale.

Le votazioni attraverso il sito https://www.dusty.it/alfieridellambiente si chiuderanno alle ore 24.00 di mercoledì 25 maggio.

Votare è semplicissimo!

Cliccando sul link https://www.dusty.it/alfieridellambiente/blog/category/video sarà possibile entrare virtualmente nella navigazione dell’album che contiene oltre 30 video inviati a Dusty (entro la scadenza dello scorso 4 maggio).

Scegliere dalla carrellata delle anteprime dei video, quello che ha centrato meglio degli altri il tema del contest. Per mettere il proprio “Like” bisogna cliccare sul titolo del video e a quale punto, il gioco è fatto: la votazione è stata registrata.

L’avventura dell’essere stato “Alfiere dell’ambiente” per un giorno, è stata raccontata attraverso le emozioni degli studenti e il loro stato d’animo durante le fasi operative ecologiche sul territorio, ribadendo anche il messaggio di sensibilizzazione al decoro urbano.

Ai partecipanti dei 3 video vincitori che hanno avranno riscosso più consensi sarà riservata una visita didattica agli impianti locali di riciclaggio Domus Ricycle di Catania, così che gli studenti potranno conoscere a fondo la filiera virtuosa che ridona vita agli scarti e li sottrae al destino di diventare rifiuti. 

La SRR Catania Area Metropolitana sceglierà alcuni video da trasmettere come spot televisivi nelle emittenti locali e sui canali social.

Il responso della votazione libera e spontanea da parte del popolo della rete si avrà il 27 maggio 2022, con la proclamazione dei 3 vincitori.


L'appello ai giovani: «RIBELLATEVI AI DISASTRI AMBIENTALI E SOCIALI»

In platea il futuro della comunità e sul palco la responsabilità sociale operosa: si presentava così questa mattina (29 aprile) la grande sala delle Ciminiere di Catania in occasione della “Conferenza sull’Etica”. Una sala illuminata da visibili emozioni, quelle degli studenti dell’Istituto superiore «De Felice Giuffrida Olivetti», e quelle dei relatori chiamati a riflettere insieme ai giovani sull’indispensabile valore del Bene Comune, troppo spesso cancellato dagli egoismi personali. Soltanto le poltrone riservate alle autorità istituzionali sono rimaste vuote.

La conferenza è entrata subito nel vivo, scandita dagli applausi sinceri del giovane pubblico che si innalzavano ogni qualvolta una frase dei relatori accendeva le loro speranze, i loro sogni di giustizia e desideri di umanità. Le nuove generazioni sono chiamate ad «essere “i germogli” di un’autentica rivoluzione culturale che salvi il pianeta dai disastri ambientali e sociali del nostro tempo», come ha affermato nel suo commosso e appassionato discorso Rossella Pezzino de Geronimo. Anima ideatrice della “Settimana Etica”, l’amministratore di Dusty ha sottolineato come il fine ultimo dell’istruzione scolastica e dell’educazione sociale sia quello di trasmettere ai giovani il senso della vita come progetto virtuoso, rifiutando i falsi e soffocanti miti del denaro e del consumismo.

Rispetto dell’ambiente, sete di conoscenza, amore per sé e per gli altri, consapevolezza, solidarietà: sono parole che hanno echeggiato in tutti gli interventi della giornata, introdotti dai saluti della dirigente dell’Istituto «De Felice Giuffrida Olivetti» Anna De Francesco e moderati dal giornalista Daniele Lo Porto. Una lucida analisi sull’etica dell’informazione è stata condotta dal direttore editoriale di SudPress Pierluigi Di Rosa, che ha invitato i ragazzi a «ribaltare il paradigma», cioè a non guardare il mondo attraverso la miopia delle attuali classi dirigenti, ma a costruirlo attraverso lo studio cosciente delle fonti.

clicca qui per ascoltare uno stralcio dell'appello rivolto ai giovani presenti

 

Parole potenti anche quelle pronunciate con dolcezza da Suor Roberta della Locanda del Samaritano, che ha coinvolto i ragazzi in un affascinante viaggio introspettivo alla scoperta dell’unicità di ciascuno, fatta di energie e debolezze, nel corpo e nell’anima. Una conoscenza di sé che non può prescindere dal rapporto con le emozioni e con gli altri, come poi è emerso nel coinvolgente gioco educativo guidato dalle fondatrici di “GioStra” Giorgia Bonadies e Simona Rapisarda. Cos’è etico e cosa non lo è nel mondo dei social network? Una domanda che ha inizialmente diviso le opinioni degli studenti ma che alla fine ha trovato una risposta condivisa da tutti grazie alla “bussola dell’empatia”.

L’intelligenza emotiva è un dono che appartiene a tutti e che va allenata ogni giorno, soprattutto di fronte a pericolosi fenomeni sociali come quelli del sexting e del revenge porn, su cui ha puntato l’attenzione la presidente di Mete Onlus Giorgia Butera. «Lo fanno tutti», è purtroppo la giustificazione di molti adolescenti che rischia di inquadrare questi gravi comportamenti in una cornice di normalità; «denunciare» è invece l’imperativo che può e deve salvare il valore della sana sessualità.

Il futuro può essere tale soltanto se sostenibile, insegna la green economy, disciplina cardine per il percorso di studi degli alunni dell’Istituto «De Felice Giuffrida Olivetti», approfondita non a caso dai docenti della scuola Lucia Distefano e Massimo R. Costanzo. Anche la docente del Dipartimento universitario di Economia e Impresa - Unict Agata Matarazzo – a cui sono state affidate le conclusioni – ha invitato gli studenti a «essere proattivi nel mondo del lavoro» sviluppando le competenze che oggi garantiscono l’economia circolare e il raggiungimento degli obiettivi mondiali dell’Agenda 2030.

«La sopravvivenza dell’umanità poggia sul “Noi”, sulla cura degli uni verso gli altri, dove l’Io cresce in umiltà, generosità, fiducia e carità, combattendo le disuguaglianze» ha concluso Rossella Pezzino de Geronimo, invitando gli studenti a immaginare la vita come una bicicletta: «per mantenerla in equilibrio occorre pedalare».

 

 

 


Al via la "Settimana Etica" per riscoprire la responsabilità sociale

La “Settimana Etica 2022” nasce da un’idea di Rossella Pezzino de Geronimo, amministratore Dusty, ed è un progetto sviluppato insieme all’Istituto superiore «De Felice Giuffrida Olivetti» di Catania, guidato dalla dirigente scolastica Anna De Francesco.
L’evento si svolgerà dal 27 al 29 aprile secondo un calendario di iniziative educative che hanno l’obiettivo di insegnare il valore dell’Etica ai giovani, trasferendo in loro l’importante significato del Bene Comune nonché l’urgente necessità di una nuova morale laica con cui gestire lo Stato. La sopravvivenza del nostro pianeta dipende dal cambiamento etico che siamo disposti ad innestare, in particolar modo le nuove generazioni, poiché saranno loro a guidare la società del futuro.

interno Istituto superiore «De Felice Giuffrida Olivetti» di Catania

Si comincerà mercoledì 27 aprile con l’installazione dell’orto scolastico nel cortile del palazzo storico che ospita l’Istituto, in Piazza Roma. Uno spazio verde che sarà destinato alla coltura condivisa e biologica di ortaggi e piante aromatiche.
Verrà allestita anche la mostra ecologica di Dusty dal titolo “Il peso dei rifiuti invisibili”, sempre all’interno della sede scolastica. Lungo il percorso espositivo – scandito da pannelli grafici e opere di giovani artisti siciliani – gli alunni, i docenti e i visitatori impareranno a conoscere e riconoscere i rifiuti “invisibili” generati durante le fasi di produzione di un oggetto, cioè quei materiali della cui esistenza il consumatore non è consapevole. Ad esempio, la produzione di uno smartphone del peso di 200gr genera 86kg di rifiuti invisibili.

Giovedì 28 aprile sarà la giornata del laboratorio di “Arte del Riciclo”: grazie alla creatività e all’inventiva degli studenti dell’Istituto, scarti e oggetti non più usati riacquisteranno una nuova vita, perché verranno sottratti dal destino dello smaltimento della discarica per diventare strumento virtuoso di riuso e rigenerazione. Inoltre, gli alunni saranno protagonisti della decorazione e della cura dell’orto scolastico e dei suoi frutti.

Venerdì 29 aprile l’evento si sposterà alle Ciminiere di Catania per la “Conferenza sull’Etica”, che avrà inizio alle 9.30 nella sala C1. Il tema dell’Etica verrà affrontato, insieme agli studenti, da diversi e preziosi punti di vista grazie ai relatori che interverranno.
In un periodo storico dolorosamente segnato dalla pandemia e da guerre sempre più vicine a noi, «l’educazione deve avere come fine ultimo quello di trasmettere ai giovani il senso della vita come progetto virtuoso – spiega Rossella Pezzino de Geronimo – Dusty opera da quarant’anni con una mission ben precisa: costruire un mondo migliore e seminare bellezza. Laddove “Bellezza” è intesa non soltanto come fattore estetico, ma come etica, rispetto del prossimo e dell’ambiente, solidarietà, abbraccio, inclusione, credibilità, onestà intellettuale, eliminazione delle disuguaglianze e degli sprechi di qualsiasi natura».


Borgetto, Partinico e Santa Flavia: ogni città supera il 70% di raccolta differenziata

A distanza di due mesi dall’avvio dell’appalto di igiene ambientale gestito da Dusty nelle tre città Borgetto, Partinico e Santa Flavia, si tirano le prime fila delle percentuali registrate al 31 marzo 2022. I tre comuni festeggiano un eccezionale risultato: ogni città supera il 70% di raccolta differenziata.

A febbraio, nel suo primo mese di servizio, Dusty ha registrato a Borgetto al 66,77% e a fine marzo ha migliorato ancora arrivando al 70,35%.

A Partinico il dato di fine febbraio è stato del 71,72%, e quello registrato lo scorso mese di marzo è ancora migliorato, registrando il 73,36%.

A Santa Flavia si è passati dal 67,09% registrati a fine febbraio, al 72,81% di fine marzo.

foto di archivio Dusty

Questo sorprendente balzo in avanti, compiuto in pochissimi mesi, dimostra che la riorganizzazione del servizio con un metodo di raccolta “monomateriale” per ridurre drasticamente i conferimenti in discarica del rifiuto secco residuale (l’indifferenziato), è lo strumento giusto per aiutare i cittadini nel fare correttamente la raccolta differenziata.

Il merito del risultato ottenuto è prima di tutto dei cittadini virtuosi che, attenendosi scrupolosamente alle modalità indicate nel calendario di raccolta che è stato loro distribuito, rispettano le modalità di conferimento; è anche il frutto delle Amministrazioni comunali attente che monitorano e segnalano con puntualità i casi di irregolarità.   
Non ultimo è anche il plauso al lavoro compiuto sul campo dagli operatori Dusty che si spendono nei singoli territori e che sono impegnati in un servizio enorme reso con grande spirito di abnegazione, dimostrando dedizione esemplare ed encomiabile.

Mese dopo mese, rispettando il cronoprogramma previsto dai capitolati, si è registrato il costante miglioramento e il raggiungimento dei dati registrai a fine marzo, è la dimostrazione di come sia fondamentale la sinergia avviata tra le Amministrazioni comunali, l’impresa Dusty, e i cittadini virtuosi che sono i veri protagonisti del cambiamento.


Rifiuti Covid: utente "positivo" o "negativo". Ecco come gestirli

L’Istituto Superiore di Sanità ha diramato le modalità sulla gestione dei rifiuti urbani associata al virus SARS-CoV-2, valida per i cittadini che hanno contratto il Covid-19.

Dal 31 marzo, infatti, cessando lo Stato di emergenza, mutano alcune delle restrizioni indicate dal Governo nazionale, ma resta alta l’attenzione sulla raccolta e sul conferimento dei rifiuti dei soggetti “positivi” al virus.

Dusty ha fatto proprie le indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità e invita tutti i cittadini delle città in cui svolge il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani, a rispettare scrupolosamente quanto indicato, facendo attenzione alle modalità per i soggetti “positivi” e alle raccomandazioni per i soggetti “negativi”.

Le nuove norme entrano in vigore dall’1 aprile 2022.

GESTIONE RIFIUTI PER I SOGGETTI “POSITIVI” AL COVID-19:

  • I rifiuti di tutte le frazioni vanno conferiti in due sacchetti, uno dentro l’altro;
  • I fazzoletti di carta, i rotoli di carta asciugamano, le mascherine, i guanti, i tamponi per il test di autodiagnosi Covid e tutti i materiali che possono essere stati contaminati, vanno conferiti in un sacco separato, che va conferito nel contenitore/mastello dedicato alla raccolta della frazione indifferenziata/secco residuale non riciclabile;
  • I sacchetti devono essere ben chiusi e non devono essere schiacciati con le mani;
  • Va evitato l’accesso degli animali domestici nel locale in cui sono presenti i sacchetti con i rifiuti, per evitare la rottura degli stessi;
  • Lo smaltimento degli oggetti taglienti, a punta o comunque in grado di provocare rotture dell’involucro, va fatto in modo che non avvengano spaccature pertanto è bene avvolgere con la carta gli oggetti contundenti o inserirli in un contenitore.

GESTIONE RIFIUTI PER I SOGGETTI “NEGATIVI”:

  • Vanno mantenute le consuete modalità della raccolta differenziata, come da calendario settimanale Porta a Porta;
  • Solo a scopo precauzionale, l’Istituto Superiore di Sanità raccomanda di inserire i fazzoletti di carta, i rotoli di carta asciugamano, le mascherine, i guanti, i tamponi per il test di autodiagnosi Covid, in sacco separato, che va conferito nel contenitore/mastello dedicato alla raccolta della frazione indifferenziata/secco residuale non riciclabile.