La ricetta per "dimagrire" dal peso dei rifiuti non solo online... a breve anche nelle scuole

L’edizione 2020 della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti si è conclusa domenica scorsa, 29 novembre, eppure in Sicilia continuerà a fare eco perché Dusty proseguirà nei prossimi mesi le attività di sensibilizzazione, avviate con la mostra ecologica itinerante dal titolo “Il peso dei rifiuti invisibili”.

Dopo le tappe di Avola, Barcellona Pozzo di Gotto, Termini Imerese e Catania – tenutesi nel rispetto delle disposizioni anti-Covid - è lo spazio digitale a ospitare in modo continuativo il tour tra le opere d’arte che invitano alla riflessione e alle buone pratiche che richiedono azione. Un percorso di consapevolezza - disponibile al link www.dusty.it/serr-2020 - che porta dritti al traguardo: ridurre il carico eccessivo di scarti che produciamo senza esserne consapevoli.

«Numerosi cittadini, dal vivo e nei social media, hanno lasciato messaggi di apprezzamento per il profondo messaggio culturale e sociale che abbiamo trasmesso - racconta l’amministratore Dusty Rossella Pezzino de Geronimo -. Sono convinta che il linguaggio dell'arte accenda le emozioni. Ci siamo quindi rivolti, più che alla sfera razionale, alla coscienza più profonda, vera fonte di ogni cambiamento culturale. Ogni gesto semplice e quotidiano, anche quello di conferire i rifiuti, presuppone consapevolezza».

Nelle scuole i prossimi passi

Il connubio tra arte e rigenerazione dei rifiuti sarà innestato in una “sana competizione” tra le scuole, in programma da gennaio 2021 e comunque nel rispetto dei futuri aggiornamenti normativi per il contenimento della pandemia. La mostra dal vivo tornerà ad essere itinerante negli istituti scolastici dei Comuni dove Dusty svolge il servizio di igiene ambientale. Studenti, professori e personale Ata saranno invitati a mettere in campo concrete iniziative per “dimagrire” dal peso dei rifiuti invisibili, e la scuola che raggiungerà i migliori risultati otterrà il diritto di ospitare l’esposizione in modo permanente.

La sfida virtuosa nei Comuni

L’iniziativa scolastica introduce un’altra sfida virtuosa, quella che Dusty proporrà alle Amministrazioni Comunali e che culminerà con un dono di bellezza. Il Comune che più di tutti incoraggerà politiche per la riduzione dei rifiuti invisibili e per la sostenibilità ambientale, sarà premiato con un ologramma di alto valore artistico ispirato proprio al rifiuto invisibile. Un’opera d’arte appositamente realizzata da Rossella Pezzino de Geronimo, che testimonia ancora una volta il proprio impegno personale verso «un mondo migliore, dove decoro e bellezza dell’ambiente diventino fondamentali per la sopravvivenza del pianeta e per vivere nel rispetto di sé stessi, del prossimo».


Bastano pochi click per vedere la mostra "Il peso dei rifiuti invisibili"

La partecipazione di Dusty alla SerrSettimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti’ (21/29 novembre), quest’anno è anche interattiva. La mostra ecologica guidata «Il peso dei rifiuti invisibili» è anche on line.
Per sensibilizzare un numero sempre maggiore di utenti, si espande nella rete digitale e al link dusty.it/serr-2020 propone un tour virtuale di opere d’arte e pannelli grafici descrittivi per stimolarli verso una nuova visione della gestione del rifiuto domestico e della sua riduzione.

Il tour virtuale rende così accessibile la mostra ecologica, che in pochi click, dallo smartphone o dal pc di casa, potrà scoprire quelle piccole abitudini che sono un grande contributo alla salvaguardia dell’ambiente. Utili soluzioni pratiche per ridurre i “rifiuti invisibili”, alternate ai momenti di riflessione suscitati dalla fotogallery di cinque opere d’arte, ideate e realizzate con materiale da riciclo da artisti emergenti siciliani e da pannelli grafici che descrivono il ciclo dei rifiuti invisibili prodotti e le conseguenze che incidono pesantemente negli equilibri ambientali.

 

 

IL PERCORSO GUIDATO delle opere d’arte

Si parte dalla “Visione” di Mikhail Albano, che restituisce la figura di un pachiderma attraverso 2.800 tappi di plastica, e si prosegue con il “Piccolo tempio” di Calogero Arcidiacono, dove un effetto matrioska trasforma il “contenitore” in “contenuto”; poi “La Grande Opera” di Martina Mavica, raffigurata da un’enorme conchiglia, simbolo di creazione e idea del fossile come traccia del passaggio umano, proprio come lo sono i rifiuti; a seguire le nuvole tossiche “Inquinata-Mente” di Gabriele Catania che raccontano la disperata corsa del genere umano verso la salvaguardia del pianeta; si chiude con Alessandra Castronuovo e il suo ”Insostenibile Equilibrio” opera composta di elementi sovrapposti che ricorda la pericolosa precarietà a cui ci ha condannati il consumo irresponsabile del patrimonio ambientale.

 

LA MOSTRA È ANCHE LIVE – nel rispetto delle disposizioni Covid

L’esposizione, nei prossimi giorni, sarà allestita in alcuni Comuni dove Dusty svolge il servizio di igiene ambientale. Dopo la tappa di Avola che ha aperto la Settimana europea, la mostra dal vivo proseguirà – nell’assoluto rispetto delle normative anti Covidsecondo un calendario che è stato riprogrammato per le avverse condizioni meteo, come nel caso di Misterbianco e San Giovanni la Punta che saranno solo in versione on line.

Domani 25 novembre l’appuntamento si svolgerà a Barcellona Pozzo di Gotto (dalle 10 alle 13 nella sede del Comune, in via San Giovanni Bosco); e a Termini Imerese (dalle 16 alle 18 nella sede del Municipio, in Piazza Duomo). *Salvo condizioni meteo avverse.

Tappa finale il 29 novembre a Catania, in Piazza Nettuno dalle 9 alle 12. In caso di pioggia, sarà trasferita in un luogo riparato che sarà tempestivamente comunicato.

*L’accesso alla mostra virtuale è possibile anche inquadrando il QR Code qui riportato. Iniziamo il viaggio!


"Gli angeli dell'ambiente per San Berillo" vince la Serr 2019!

Pensare all’ambiente a 360° gradi, in tutti i suoi aspetti, portando avanti molteplici iniziative, creando sinergie utili a salvaguardare il pianeta. Una linea di condotta efficace che da sempre caratterizza la Dusty e che è stata riconosciuta anche a livello nazionale. Se ne è avuta riprova nel corso dell’ultima edizione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (Serr) 2019: tra le 60 imprese che hanno partecipato all’11° edizione, Dusty ha attuato in Sicilia oltre 30 iniziative e ha vinto (per la sezione imprese), con il progetto “Gli angeli dell’ambiente per San Berillo”.

Un progetto di inclusione, aggregazione culturale e integrazione sociale che mira a sensibilizzare e ad educare i residenti del quartiere catanese San Berillo, alla corretta raccolta differenziata (clicca qui per vedere il progetto).

Dal compostaggio alla “gara della differenziata, dal “rivestiamoci e rigiochiamo” fino a… “Gli angeli dell’ambiente per San Berillo”, il progetto vincitore della Serr 2019, sezione imprese, unico nel suo genere perché unisce i temi della raccolta differenziata e l’inclusione sociale, e che vede come "sensibilizzatori", ragazzi extracomunitari impiegati in #Dusty e un gruppo di studenti universitari che lavoreranno insieme per promuovere la corretta raccolta differenziata nello storico quartiere del centro di Catania, San Berillo.

Questo progetto sperimentale - ha detto Rossella Pezzino de Geronimo, amministratore Dusty e anima dell’azione, durante la diretta streaming della cerimonia di premiazione - è una rivoluzione culturale portata avanti in uno dei quartieri più antichi e affascinanti di Catania, San Berillo, da sempre molto degradato, complicato da gestire e da controllare”.

Per attuare questo progetto, Dusty ha attivato una collaborazione triangolare mai vista prima a Catania che vede impegnati da una parte “Gli angeli dell’ambiente”, ossia ragazzi extracomunitari, per lo più africani, assunti dalla Dusty affinché possano fornire informazioni chiare e semplice utilizzando un linguaggio adatto agli interlocutori del quartiere e dall’altra, l’approccio didattico degli studenti universitari della facoltà di Economia e commercio dell’Università di Catania, preparati dalla professoressa Agata Matarazzo.

“Un progetto di per sé rivoluzionario - ha chiarito Rossella Pezzino de Geronimo - uno scambio tra culture diverse, un’opportunità per uscire dal proprio piccolo mondo, mettersi in discussione per andare incontro al diverso, senza preconcetti o snobismi”.

Il progetto è stato realizzato in sinergia con il Comune di Catania, il Dipartimento Acqua e Rifiuti della Regione Siciliana, il Dipartimento di Economia e Impresa dell’Università di Catania, e i volontari dell’associazione Economia Circolare.

I nostri giovani hanno il potenziale per trasformarsi in un grande e rigoglioso albero - ha concluso Rossella Pezzino de Geronimo - e noi dobbiamo aiutarli. Il nostro obiettivo è che i giovani diventino promotori di un progetto virtuoso del quale andare fieri e orgogliosi e che possa portarli lontano; così lontano da divenire 'da seme che erano, un nuovo e meraviglioso sano albero'. Dobbiamo intraprendere nuovi processi mentali, lottare con convinzione contro i ladri di bellezza. Il futuro del pianeta è prioritario. La lotta per la difesa dell’ambiente è una scelta obbligata, un viaggio che i giovani di ogni razza devono intraprendere con coraggio, spirito visionario, da combattenti, tutti insieme”.